Guida al Seo


come scrivere contenuti seo friendly Come scrivere un contenuto SEO friendly

Prima però dimmi una cosa, tu quali di questi personaggi sei?

  • Hai un blog aziendale è vuoi stupire il capo portando più visite al sito web
  • Ti hanno assegnato un’attività di content marketing da portare avanti
  • Sei un blogger che vuole più visite dai motori di ricerca
  • Hai deciso che vuoi aumentare i visitatori che provengono da Google
  • Sai cos’è la SEO, sai cos’è il Copywriting, sai cos’è un calendario editoriale ma non sai come scrivere contenuti SEO friendly

Chiunque tu sia una cosa sola è sicura:

Sei nel post giusto perché:

sto per rivelarti le uniche tecniche di SEO COPYWRITING che contano.

 

Mi trovo a scrivere questo post perché una cosa è la passione per la scrittura, un’altra è scrivere contenuti di qualità, che aggiungano valore, che intrattengano e che vadano ad intercettare il giusto target, un po’, anzi molto, voglio provare io a testare questo contenuto su questo tipo di argomento.

Ci sono alcuni concetti circa l’argomento che vanno assimilati:

Seo Copywriting

  1. Come ragiona un motore di ricerca
  2. Il target prima di tutto
  3. Le domande a cui rispondere
  4. L’argomento da affrontare
  5. La mappa delle parole chiave
  6. La struttura di un post
  7. SEO on-page
    1. Check list per testi seo friendly
    2. Aspetti di base relativi al codice

 1 Come ragiona un motore di ricerca?

Vorrei innanzitutto partire esprimendo un concetto:

Qualsiasi motore di ricerca è un’azienda e come tale guadagna dalla pubblicità.

Gli inserzionisti pagano perché sono motori molto utilizzati dagli utenti, ai quali devono offrire contenuti che siano quanto più attinenti e di qualità ai loro interessi in fase di ricerca.

Un contenuto è attendibile quando risolve un problema, risponde ad una domanda o ci offre le informazioni che stavamo cercando.

Un contenuto è di qualità se è ben scritto, però lo diventa anche quando riesce realmente a rispondere alle esigenze di chi lo legge, intercettando quindi un bisogno.

Per offrire risultati di alta qualità il motore di ricerca si regola anche in base alle ricerche che normalmente effettuiamo, ai siti che visitiamo di solito, alle nostra posizione, agli interessi che dimostriamo di avere.

2 L’utente Primo di tutto

Come detto pensare prima di tutto a chi ci si sta rivolgendo, per il semplice motivo che è il motore di ricerca stesso a pensare a lui.

Pensare al lettore vuol dire farsi il mazzo nel cercare di offrirgli contenuti quanto più vicini possibili a quelle che sono le sue intenzioni di ricerca.

Per riuscirci è necessario conoscere il destinatario dei nostri testi, capire di cosa può avere bisogno ed in quale livello della sua ricerca ci si vuole posizionare.

Mi spiego:

Se si scrive per il web vuol dire che si sta scrivendo per posizionare un contenuto contemplato all’interno di un progetto web che prevede una forma di conversione.

Ora una conversione può essere l’iscrizione ad una newsletter, la raccolta di lead, una vendita o altro.

Questo vuol dire che se il contenuto dovrà generare una vendita allora il testo andrebbe orientato il più possibile verso un set di parole chiave vicine alla fase di acquisto del processo di ricerca di un utente.